Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

HOME» Chi siamo» Progetti
testo piccolo testo medio testo grande Stampa la pagina Twitter Facebook

Sabato 22 Febbraio 2020

Progetti

    Sicurezza stradale

    La Polizia Municipale di Firenze è da sempre impegnata in campagne e progetti per promuovere e divulgare l’educazione alla sicurezza stradale e alla legalità, puntando a una maggiore sensibilizzazione soprattutto dei giovani attraverso incontri nelle scuole e con la partecipazione a piani e progetti mirati.

    Le Campagne di sensibilizzazione che si sono svolte dal 2000 al 2007 hanno visto il coinvolgimento, in qualità di testimonials, di personaggi in vista della società, come alcuni giocatori della Fiorentina, il cantante Piero Pelù e il conduttore televisivo Carlo Conti. Con il titolo significativo “La vita è tua, non perderla per strada!”, si sono rivolte principalmente ai ragazzi sollecitandoli al rispetto delle regole del Codice della Strada e illustrando loro, anche con messaggi forti e immagini shock, quali possono essere le terribili conseguenze che derivano dalla mancanza del rispetto delle regole stesse.

    La Polizia Municipale di Firenze dal 1981 ha istituito la Sezione Vigilandia per la formazione e l’educazione degli alunni delle scuole alla legalità e al rispetto delle regole del Codice della Strada.

    Vigilandia oltre alle ormai consolidate attività di educazione presso le scuole e presso il campo scuola, promuove i progetti educativi-didattici in collaborazione con gli istituti scolastici e partecipa alle attività inserite nel programma formativo dell’Assessorato dell’Educazione “Le chiavi della città”.

    Nella Polizia Municipale converge l'Ufficio Città Sicura che in ambito di Sicurezza Stradale porta nelle scuole il Progetto David "Insieme per la sicurezza" al fine di sensibilizzare i ragazzi delle scuole di 1° e 2° grado all'uso consapevole della strada.

    Contraffazione

    La contraffazione è un fenomeno che alimenta l'economia illegale e si traduce in sfruttamento minorile, danni ai produttori locali e mancati introiti fiscali.

    "Sai a chi andranno i tuoi soldi" - Progetto in collaborazione con ANCI

    Lo scopo del progetto è quello di informare i cittadini e i turisti sui rischi connessi all’acquisto di prodotti contraffatti e/o senza marchio CE. Firenze, essendo un polo turistico di attrattiva mondiale, richiama ogni anno migliaia di turisti che rappresentano, per il commercio illegale, una grossa opportunità di guadagno.
    Con questo progetto, la Polizia Municipale del comune di Firenze, che da sempre è impegnata nella lotta all’abusivismo commerciale, intende rafforzare la propria capacità di contrasto a tale fenomenica attraverso una serie di azioni che vanno dall’informazione dei cittadini/consumatori sui rischi e le conseguenze derivanti dall’acquisto di merce contraffatta, al rafforzamento del costante impegno profuso nel contrasto al commercio illegale.Le campagne di sensibilizzazione saranno effettuate tramite la distribuzione di materiale informativo multilingue e incontri presso le scuole per far conoscere anche ai ragazzi che iniziano ad avere autonomia negli acquisti, quali sono le problematiche collegate alle scorrettezze commerciali, creando così una coscienza critica negli acquisti.

    Pronto intervento - 055 328 3333

    Al di fuori delle emergenze, per le situazioni in cui si renda necessaria la presenza della Polizia Municipale

    Emergenze - 055 3285 - 24 ore su 24

    segnalazioni di incidenti stradali gravi, blocchi della circolazione, immediato pericolo e grave rischio per la pubblica incolumità

    Contact center - 055 055

    Per info telefoniche riguardanti la Polizia Municipale

    Accesso veloce














    città di firenze
    Comune di Firenze
    Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
    50122 FIRENZE
    P.IVA 01307110484

    Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006